Italian

Convenzione sulla Doppia Imposizione tra Italia e Hong Kong: Un update e altre curiosità

Posted on by

Flag-Pins-Italy-HK-300x200di Federico Paolucci

Lo scorso anno è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge n. 96 del 18 giugno 2015 per la ratifica e l’esecuzione della Convenzione sulla Doppia Imposizione (anche conosciuta come DTA – Double Taxation Agreement) fra la Repubblica Italiana e la Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong della Repubblica Popolare Cinese (Hong Kong), al fine di prevenire l’evasione fiscale ed eliminare la duplice imposizione tra Italia e Hong Kong in materia di imposte sul reddito.

Il 14 gennaio 2013 il Governo della Repubblica Italiana e il Governo di Hong Kong avevano infatti sottoscritto un accordo sulla doppia imposizione basato sul Modello standardizzato di Convenzione OCSE.

Il suddetto accordo è entrato dunque definitivamente in vigore a decorrere dal 10 agosto 2015. Lo stesso giorno il governo italiano ha notificato a Hong Kong il completamento del processo di ratifica interno, rendendo la Convenzione efficace a partire dal 1 gennaio 2016. Per Hong Kong, invece, si può ritenere operativa a partire dal 1 aprile 2016, coincidendo tale data con l’inizio del suo anno fiscale.

Continue reading…

“China’s Economic Silk Road” – pubblicato il nuovo libro di Chris Devonshire-Ellis

Posted on by

Silk Road Guide 250x350Chris Devonshire-Ellis, fondatore di Dezan Shira & Associates, ha di recente pubblicato il suo nuovo libro, un approfondimento sul progetto della “Cintura Economica della Via della Seta” proposta dal presidente cinese Xi Jinping.

La pubblicazione tratta delle rotte della Via della Seta via terra e via mare e dei sessanta Paesi coinvolti, incluse le attività cinesi in questi territori, i progetti infrastrutturali in corso d’opera, quelli in programma, e le nuove istituzioni che stanno spianando la strada per realizzare le ambizioni di Xi – come la Shanghai Cooperation Organization, The Asian Infrastructure e la multilateral Silk Road Gold Fund.

La Cintura Economica della Via della Seta avrà un impatto su tre miliardi di persone ed avvicinera’ forti economie mondiali con un potenziale senza precedenti. Riconnettere la Cina con l’Eurasia ed il Sudest asiatico è diventato ora una pietra angolare della politica estera cinese, con l’apertura di nuove banche, miliardi di dollari in prestiti elargiti e mosse diplomatiche tutte orientate per assicurarne il successo.

“China’s New Economic Silk Road” analizza le riforme regionali, le potenziali criticità, le opportunità e l’impatto che la Via della Seta avrà nel lungo periodo in Asia, Africa, Medio Oriente, Europa e Stati Uniti.

Quale significato ha davvero la Deadline 2015 per gli accordi AEC dell’ASEAN

Posted on by

Una questione di cui si sta discutendo molto riguardante lo sviluppo dell’ASEAN è la cosiddetta “Deadline AEC”, che è fissata per il 31 dicembre 2015. Quello di Deadline AEC (ASEAN Economic Community) è in realtà un nome inappropriato che ha generato un numero di incomprensioni su cosa effettivamente significhi.

In questi giorni antecedenti alla deadline l’intera comunità ASEAN – e cioè tutti i membri – sono d’accordo a ridurre le loro tariffe per l’import-export tra le proprie frontiere. Tra queste dieci nazioni, tuttavia, quattro di esse – Cambogia, Laos, Myanmar e Vietnam – hanno chiesto più tempo per prepararsi. Questa deadline è quella che scade alla fine del 2015. Tutte le altre nazioni – Brunei, Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore e Thailandia – sono già in accordo ed hanno conseguentemente ridotto le tariffe. Poiché queste includono i membri più grandi dell’ASEAN, la deadline AEC è una questione fine a sé stessa. Delle sei nazioni qui sopra, cinque sono gli attori principali del commercio e del manifatturiero nei loro campi. Di seguito una descrizione sintetica:

Continue reading…

Il contratto di lavoro subordinato in Cina, India e Vietnam

Posted on by

Le società estere che intendano stabilire una presenza nel mercato dell’Asia-Pacifico devono conoscere accuratamente le norme in materia di impiego e diritto del lavoro in generale. Se è vero che le aziende possono assumere sia dipendenti locali che stranieri, è fondamentale che queste comprendano quali sono le problematiche in materia di assunzione e rapporti di lavoro, che possono differire in gran parte nel confronto con le giurisdizioni di provenienza.

In Asia le normative sulle procedure di assunzione variano significativamente. Le imprese che intendano insediarsi in più di uno dei Paesi in espansione nella regione asiatica non potranno godere di un quadro giuridico unitario di riferimento. Di conseguenza, le norme e procedure di ogni Paese vanno singolarmente interpretate, al fine di determinare quale giurisdizione Asiatica sia maggiormente compatibile con lo specifico tipo di attività che si vuole intraprendere.

Continue reading…

Gli investimenti Asiatici bruciano l’occidente nella corsa al Myanmar.

Posted on by

Stando a quanto dichiarato dall’agenzia governativa Birmana per gli investimenti, il Directorate of Investment and Company Administration (Dica), la maggior parte degli investimenti confluiti in Myanmar nell’ultimo periodo provengono da paesi Asiatici, e proprio le società asiatiche rappresentano il 50 per cento del totale delle nuove attività stabilite nella neonata Repubblica.

globe-72485_1280

Continue reading…

Multilateral Competent Authority Agreement: La fine del segreto bancario?

Posted on by

Mercoledì 29 Ottobre si è tenuto, a Berlino, il settimo Global Forum sulla trasparenza e lo scambio di informazioni in materia fiscale. Il Forum, patrocinato dal Ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, ha visto la partecipazione di 200 delegazioni da tutto il mondo, per un totale di 95 giurisdizioni rappresentate. Il principale obiettivo raggiunto attraverso il summit è la firma, da parte di 81 nazioni, del c.d. Multilateral Competent Authority Agreement (di seguito definito “MCAA”).

Continue reading…

Le recenti riforme fiscali in Asia

Posted on by

Nel corso dello scorso mese, in diverse nazioni chiave dell’Asia, sono state varate una serie di nuove leggi in materia fiscale, e altre sono in corso di discussione. Queste riforme sono in vario modo destinate a favorire gli investimenti esteri, stimolare l’economia e ridurre il deficit fiscale di ciascun paese.

In Asia le riforme fiscali incidono inevitabilmente su tutte quelle imprese che hanno una partecipazione in questo continente, e rappresentano una variabile importante degli investimenti futuri nella regione. In questo articolo, diamo uno sguardo ai principali cambiamenti normativi avvenuti di recente.

Continue reading…

World Bank Economic Focus: Trend e sviluppi dei paesi Asiatici

Posted on by

DELHI – La World Bank ha rivisto al rialzo le stime sulla crescita del PIL nella regione dell’Asia del sud per i prossimi due anni, a seguito dei trend positivi registrati nei mercati dei paesi della regione. L’est dell’Asia, al contrario, registra un arresto della crescita, anche sotto il profilo del PIL. I risultati del World Bank’s South Asia Economic Focus, studio condotto dal celebre istituto, sono stati resi noti lo scorso Lunedì. L’india guiderà la crescita della regione, incidendo per l’80 per cento circa sulla produzione totale. Ciò nondimeno, ci si attende un rallentamento della crescita nei paesi dell’East Asia, in considerazione delle conservative politiche monetarie che i paesi che ne fanno parte, la Cina in particolare, implementeranno.

Continue reading…

Anche la Corea del Sud investe in Myanmar

Posted on by

Secondo quanto riportano i media del Paese del Sud Est Asiatico, la Corea del Sud ha pianificato un investimento pari a 58.86 milioni di USD destinato allo sviluppo delle infrastrutture del Myanmar. L’annuncio è stato promulgato dal New Light of Myanmar, un quotidiano di proprietà e gestito dal Governo Birmano. Gli incontri e le trattative tra le due nazioni sono cominciate nello scorso mese di Agosto, in occasione dell’incontro tra il governo Coreano e una delegazione del governo del Myanmar allo scopo di illustrare i possibili vantaggi che potrebbero derivare da un investimento nel Paese.

Continue reading…

L’industria dello sport in Asia: è Singapore il mercato più promettente?

Posted on by

Singapore – La scorsa settimana il Singapore Tourism Board (STB) ha offerto un dibattito sul business dello sport in Asia, durante il quale il Paese ha analizzato le opportunità offerte da questo settore di mercato nella regione. La discussione, che ha visto confrontarsi membri dell’Economic Development Board e del World Sport Group, è ruotata attorno al fatto che Singapore è pronto per giocare un ruolo di rilievo nell’emergente settore dello sport, e che sarà importante non temporeggiare al fine di approfittare della forte crescita che l’industria sportiva sta attualmente vivendo.

Continue reading…

Never Miss an Update

Subscribe to gain even better insights into doing business in Asia. Subscribing also lets you to take full advantage of all our website features including customizable searches, favorite, wish list and gift functions and access to otherwise restricted content.

Scroll to top